Follow by Email

venerdì 24 maggio 2013

Il segreto del successo # part 2


Eccomi tornata. Il tempo da dedicare ai miei post è stato praticamente inesistente, ho seguito diverse strade per rimettermi in sesto economicamente, e dopo mille peripezie sembra che la strada intrapresa sia quella giusta, o per lo meno la più soddisfacente.
Nel tempo libero ho realizzato un sito, aiutata da mia sorella, graphic designer, nel quale ho raccolto tutte le mie creazioni e la mia idea di rinnovazione.

Al momento mi sono fermata, perchè nel frattempo, mi si è presentata una occasione unica per poter riprendere il mio lavoro e primo amore da architetto. Sono felicissima!
Il sito raccoglierà le prossime realizzazioni :)
La mia soddisfazione va oltre il riscontro economico, che al momento è davvero minimo.
Credere nel successo e nella realizzazione di sè è il primo passo per arrivare dove si vuole. L'impegno che ne consegue è fondamentale ma non si tratta di solo impegno. Il rispetto per se stessi e per gli altri, l'avere obiettivi realistici e la concentrazione.
Dall'ultimo post Il segreto del successo, sono ricaduta nello stesso errore: il sovraccarico di impegni!!! purtroppo quando vedo che riesco a tenere sotto controllo molte cose e comincio ad avere successo mi viene la sindrome da wonderwoman ed immancabilmente succede qualcosa che mi butta in terra.


Stavolta è  stato anche scioccante. In auto ho fatto una manovra pericolosa, per la fretta, ed un motociclista mi è venuto addosso. Che paura!!! Tremavo come una foglia. Il ragazzo è volato e cascato sull'asfalto dalla mia parte. Non sapevo come aiutarlo. Per fortuna sono venuti subito due medici che passavano di lì e hanno preso in mano la situazione.
Poteva andare molto male. Sono stata fortunatissima.  Lui sta bene, io sto bene, è questo quello che conta. Ed il fatto che per la fretta di arrivare non ci si gode il percorso che è il vero segreto del successo.
Ora mi toccherà pagare per sistemare l'auto e ricominciare daccapo!!!
Credo che questa lezione mi sia entrata nel cervello ormai.



 

Nessun commento:

Posta un commento